Il Lab è aperto!

Salinità del mare: qual é l’origine primordiale dello ione Ione cloruro


#1

testo

Come c’é arrivato lo ione cloruro nel mare, o meglio perché é così abbondante.
Perché non altri anioni come quello carbonato, solfato o cianato (essi tendono maggiormente a precipitare).

Per il sodio la questione é diversa. molte rocce lo contengono nella loro struttura e il dilavamento dello stesso avviene facilmente. Mentre le rocce contenenti cloro, sono per lo più evaporitiche (frutto di sedimentazione). é un gatto che si morde la coda.

Due ipotesi: o in passato vi erano molte più rocce contenenti cloro successivamente dilavate. Oppure il cloro dei mari deriva dall’acido cloridrico e cloro molecolare presenti nel atmosfera primordiale.

motivo

manca il link, qualcuno sa a che articolo fa riferimento?


#2

Tralasciando l’errore di battitura nel titolo.

Lascio link per i riferimenti: https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/book/10.1029/GM013
(The Earth’s Crust and Upper Mantle. (1969), Geophys. Monogr. Ser., vol. 13, edited by P. J. Hart, pp. 37-57, AGU, Washington, D.C.) per quanto riguarda la composizione della crosta terrestre. Il Cloro è tutto sommato poco abbondante.

Vi sono minerali contenenti cloro, essi sono per lo più originati in fumarole vulcaniche. http://www.webmineral.com/chem/Chem-Cl.shtml#.XI4bQChKjIX

Tutti i dati che seguono sono presi da “Global Environment: Water, Air, and Geochemical Cycles” di Berner E.K. e Berner R.A. (https://press.princeton.edu/titles/9772.html)

Nel capitolo tre il quale tratta le acque piovane, lo ione cloruro è presente in basse concentrazioni nella pioggia e la principale fonte della sua presenza è lo spray marino (pag 86- 91, Tabelle 3.1,3.2).
Tra i principali ioni dissolti nei fiumi mondiali, Tabella 5.7 (pag 202), il cloro è presente, anche se in quantità minore rispetto ad altri anioni.

Nel sottocapitolo dedicato al cloro nelle acque fluviali (pag. 213-216), sembra evidenziare come la principale fonte di cloro nei fiumi siano i sali ciclici e i depositi di salgemma (halite). Secondo Meybeck (1984) la stima dell’input idrotermale di cloro è dell’ordine del 8% sul totale.

Nel capitolo dedicato alla composizione degli oceani (pag 341, tabella 8.1), lo ione cloruro è circa il settuplo più abbondante dello ione solfato. Mentre nella tabella 8.3 si evince un confronto tra le composizione delle acque fluviali rispetto a quelle oceaniche.
Molto importante è il budget chimico per gli elementi, capitolo 8, dove la variazione della concentrazione di cloro lungo le ere geologiche ha subito solo leggere fluttuazioni (pag.370-372).

Se la composizione in cloro degli oceani è rimasta costante nelle ere geologiche quale è la sua origine nella terra primordiale? Come ha influito la salinità dei mari e la presenza delle diverse forme del cloro per la formazione della vita?

Da notare in questo discorso l’azione catalitica del cloro molecolare per quanto riguarda le reazioni dell’ozono.


#3

Ciao Martino, solitamente non commentiamo articoli accademici e libri, ma articoli di giornale o comunque divulgativi.

I materiali più specialistici, come quelli che mi linki qui vanno sicuramente bene come arricchimento della segnalazione, però ci vorrebbe qualcosa di più semplice da commentare come articolo principale.

Le introduzioni hanno lo scopo di dare un’idea di cosa dice l’articolo segnalato, non tanto quello di presentare dei dati.

Non avresti un qualche articolo più divulgativo sul tema?